GIOVANNI GORGA: “PIU’ FONDI DALLE NOSTRE AZIENDE ALLA RICERCA DI BASE E TEMPI CERTI DAL GOVERNO SULLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROFESSIONE MEDICA E DELLA FORMAZIONE”

Milano, 31 maggio 2016 – Più fondi per la ricerca scientifica. Con questo impegno si aprono i lavori dell’assemblea annuale di Omeoimprese, l’associazione delle aziende produttrici di medicinali omeopatici, in corso a Milano. “Ogni anno – spiega il presidente di Omeoimprese, Giovanni Gorga – le nostre aziende investono centinaia di migliaia di euro in studi clinici per testare l’efficacia dei propri farmaci. Uno sforzo che ha prodotto un’importante letteratura pubblicata sulle più importanti riviste mediche a dimostrazione della validità della terapia omeopatica, ma che da oggi va affiancato alla ricerca di base. Se vogliamo che l’omeopatia esca dal limbo, dobbiamo destinare risorse ai centri di ricerca per meglio studiare il meccanismo d’azione che sta alla base dell’efficacia dei medicinali”.

E se da un lato c’è un impegno economico da parte delle aziende per promuovere e certificare la disciplina farmacologica integrativa nell’interesse di 8milioni di pazienti solo in Italia, dall’altra emerge con forza la necessità di arrivare entro il 2018 alla definizione di una legge nazionale che regolamenti la formazione e la professione dei medici, “aspetto su cui – puntualizza Gorga – il nostro Paese è sempre stato molto deficitario. Sempre entro il 2018 occorre portare a termine il processo di regolamentazione dei medicinali omeopatici in commercio”.

Nel corso dell’assemblea è stato anche annunciato l’avvio di uno studio legato all’utilizzo dei farmaci omeopatici in pediatria, cui ricorrono 3 genitori su 10 secondo l’ultima indagine Omeoimprese – EMG Acqua. Il focus sarà condotto in collaborazione con la Federazione Italiana Medici Pediatrici e i risultati saranno presentati a fine settembre in occasione del congresso nazionale FIMP a Pisa.