Le otto questioni aperte per i medicinali omeopatici

1. MANTENIMENTO DEI MEDICINALI OMEOPATICI PRESENTI SUL MERCATO ALLA DATA DEL 6 GIUGNO 1995
Omeoimprese esprime grande preoccupazione sullo stato di attuazione del decreto legislativo 219/2006 e su possibili peggioramenti rispetto al dettato della legge e della direttiva comunitaria.

2. NORME ADEGUATE ALLE CARATTERISTICHE DEI MEDICINALI OMEOPATICI
Alcune regolamentazioni previste per il settore farmaceutico allopatico rappresentano per i medicinali omeopatici un aggravio burocratico, tecnico e di costi senza alcun apprezzabile beneficio a favore della tutela della sicurezza e della qualità dei prodotti.

3. NORME PER L’AUTORIZZAZIONE CON INDICAZIONI TERAPEUTICHE DEI MEDICINALI OMEOPATICI E COSTI DI REGISTRAZIONE ADEGUATI
Omeoimprese chiede l’urgente istituzione di un nuovo tavolo di lavoro che consenta di ….creare norme specifiche relative alle prove precliniche e alle sperimentazioni cliniche in coerenza con i principi e le caratteristiche della medicina omeopatica praticata in Italia. dall’art. 18 comma 1,

4. URGENZA DI POTER REGISTRARE NUOVI PRODOTTI
Le aziende omeopatiche da 15 anni non possono introdurre nuovi  farmaci perché non sono ancora stati approntati i moduli necessari per la richiesta di registrazione all’Aifa.

5. PRESENZA DI ESPERTI DI OMEOPATIA NELLE COMMISSIONI CHE ANALIZZANO I DOSSIER DI MEDICINALI OMEOPATICI
Per le caratteristiche specifiche dei medicinali omeopatici occorre che nelle commissioni che analizzano i dossier di medicinali omeopatici siano presenti anche esperti dell’industria del farmaco omeopatico e antroposofico che abbiano una preparazione specifica in materia.

6. FOGLIO ILLUSTRATIVO E PUBBLICITA’
Omeoimprese ritiene che la mancanza di foglietto illustrativo sia in contrasto con i principi di sicurezza e tutela della salute dei cittadini.

7. NORME SULL’EMISSIONE DELLO SCONTRINO FISCALE
Le nuove disposizioni dell’Agenzia delle Entrate, in risposta a una richiesta del Garante per la privacy, potrebbero escludere i medicinali omeopatici dalla detraibilità fiscale in quanto i medicinali omeopatici, per carenze dell’Agenzia del Farmaco, sono ancora  privi di codice AIC.

8. REVISIONE DELLA DIRETTIVA UE 83/2001 PREVISTA PER IL 2012
In vista della revisione delle leggi sul farmaco, prevista per gli anni 2011 e 2012 da parte della UE, si chiede che i rappresentati italiani siano promotori  di un adeguamento della direttiva europea in linea con le specificità del settore.