Articoli

NUOVE NOMINE AL CSS? E’ FORSE LA GIUSTA OCCASIONE PER CONSIDERARE PROFILI E COMPETENZE ESPRESSE DALLE MNC

“Senza voler entrare nel merito delle prerogative del Ministro della Salute e come già in passato ho avuto occasione di evidenziare, sarebbe auspicabile che tra i prossimi membri del Consiglio Superiore della Sanità  ci fossero personalità di alto livello scientifico espresse dal mondo delle MNC ”. È il commento di Giovanni Gorga, Presidente di Omeoimprese, l’associazione che riunisce le aziende produttrici di farmaci omeopatici in Italia, a seguito della decisione del Ministro della Salute Giulia Grillo di revocare i componenti “non di diritto” dell’organo di consulenza tecnico scientifica del Ministro.

“La medicina omeopatica – prosegue Gorga – è regolamentata da Leggi dello Stato ed opera in un quadro normativo che il Ministero, l’AIFA ed altre Istituzioni sanitarie, hanno delineato nel corso degli ultimi anni, sarebbe quindi congruo, vista la natura consultiva dell’ organo da rinnovare che, ove necessario, vi fosse la migliore competenza possibile nell’esprimere pareri, giudizi e consigli”.

“Il Ministro Grillo – conclude il presidente di Omeoimprese –  saprà certamente individuare all’interno della Comunità Scientifica le migliori figure  in grado di soddisfare i livelli di esperienza e professionalità. Ritengo che il cambiamento sia sempre positivo e sono certo che le nuove nomine sapranno assolvere al delicato compito a cui saranno chiamati nell’interesse della salute degli Italiani”.

ENNESIMO ATTACCO ALL’OMEOPATIA: ABBASSIAMO I TONI E LAVORIAMO PER ISTITUIRE UN REGISTRO PER LE MEDICINE COMPLEMENTARI, COME PRESCRIVE LA LEGGE

di Giovanni Gorga, presidente Omeoimprese

Negli ultimi giorni, per l’ennesima volta, l’opinione pubblica si trova a scontrarsi sull’omeopatia. Non è una novità per il nostro Paese, ma solo per il nostro Paese, perché qui una parte radicata e combattiva della comunità scientifica si rifiuta di accettare che l’omeopatia è un atto medico e che i farmaci che le nostre aziende producono e distribuiscono, sono farmaci, sottoposti ad una procedura di registrazione esattamente come avviene per l’immissione in commercio degli allopatici. La legge parla chiaro per tutti, in Italia come nel resto d’Europa. Ma ad alcuni rappresentanti del comparto scientifico, della comunità scientifica, questo non piace.

E’ questa la ragione di tanto accanimento verso la Medicina Complementare: Non si accetta il fatto che l’omeopatico sia per legge un farmaco!

Nelle ultime settimane anche la Fnomceo, l’associazione degli ordini dei medici è stata critica nei confronti dell’Omeopatia lanciando la campagna “Dottore, ma è vero che…?” per smascherare le “fake news” che possono mettere a repentaglio la salute delle persone, ha paragonato l’omeopatia all’effetto placebo. Inaccettabile ed offensivo, E poi: se fosse vero che 9 milioni di italiani stanno meglio grazie all’effetto placebo, e, come sostengono i detrattori dell’Omeopatia, “all’acqua fresca” , a cosa servirebbero i farmaci  ? Professionisti come il dott. Salvo Di Grazia, estensore della nota sull’omeopatia inserita nel succitato sito, e qualche altro suo collega, non hanno ancora capito che lavoriamo nella stessa direzione. Prima di lui, proprio dalle pagine di questo quotidiano, Omeoimprese ha diffuso un vademecum per l’utilizzo delle medicine non convenzionali, dove si sottolinea, così come fa la Fnomceo, che la medicina omeopatica è un atto sanitario e che pertanto è necessario rivolgersi ad un professionista, medico, farmacista o veterinario, ognuno per la propria competenza. E’ bene sottolineare questi aspetti in virtù del fatto che, sempre come cita la Fnomceo, il prodotto omeopatico è un farmaco in base al Dlgs 2019/2006 – una Legge della Repubblica Italiana, in linea con la normativa comunitaria, tuttora pienamente vigente senza aver avuto modifiche di rilievo dalla sua entrata in vigore, tantomeno per il farmaco omeopatico.

Chi, in nome della ricerca scientifica, e pur non essendo ricercatore, può arrogarsi più potere delle norme nazionali ed europee che identificano il prodotto omeopatico come medicinale e ne richiedono obbligatoriamente una complessa e costosa procedura di registrazione presso l’Agenzia del Farmaco?

Le affermazioni circolate in questi giorni sono profondamente errate e strumentali, così come la campagna denigratoria che da tempo ha come bersaglio l’omeopatia. Da più di 40 anni gli ordini dei medici e le associazioni mediche hanno lavorato assieme per diffondere un corretto approccio all’utilizzo delle medicine non convenzionali. Ora si vuole demonizzare un settore sano, a cui si rivolgono ogni anno 9milioni di italiani, consigliati dal medico di fiducia, spesso del servizio sanitario, o dal pediatra dei propri figli. Demonizzando l’omeopatia l’associazione dei medici, indirettamente, denigra l’operato dei suoi stessi associati: 20.000 professionisti che affiancano allopatia e medicine integrate per il benessere del paziente.

A chi, invece, usando strumentalmente i nostri dati di bilancio, sostiene che il nostro comparto è in declino, devo invece ricordare che il numero degli utilizzatori è in costante crescita: la contrazione dei fatturati non è la risultanza di una disaffezione verso l’omeopatia, bensì la conseguenza di un processo di regolamentazione che inquadra la disciplina omeopatica e i farmaci omeopatici in un contesto legislativo a cui, fino a prova contraria, anche la Fnomceo è obbligata ad attenersi. Se davvero vogliamo rendere un servizio a tutti i cittadini, ognuno nel rispetto del proprio ruolo, sollecitiamo allora le Regioni e gli Ordini ad istituire i registri per le medicine complementari, in ottemperanza ad una norma che la stessa Fnomceo cita nella propria nota: l’accordo Stato Regioni del febbraio 2013. Non possiamo come associazione di categoria tollerare più questo comportamento fortemente lesivo delle nostre identità e ci uniamo al coro di difesa e denuncia di coloro che attraverso questo attacco indiscriminato stanno vedendo il loro lavoro di decine di anni aggredito ingiustificatamente. I medici si parlino, ma abbassiamo i toni. Non è attraverso la diffusione di un clima da “caccia alle streghe” che si combattono episodi di malasanità o uso inappropriato di farmaci.

Ora tocca alle Istituzioni fare qualcosa. Io mi aspetto che con il nuovo e prossimo esecutivo si possa intavolare una discussione seria una volta per tutte che ci consenta di uscire dalle ambiguità che per troppo tempo hanno riguardato, e ancora riguardano, le Medicine Complementari e che, mi duole affermarlo, sono la causa principale di queste gratuite prese di posizione da parte di alcuni esponenti della comunità scientifica in grado di condizionare a volte , come accaduto già in occasioni passate e per esperienza diretta, la classe politica.