Articoli

GIOVANNI GORGA RICONFERMATO PRESIDENTE DI OMEOIMPRESE BOIRON ITALIA SI UNISCE ALL’ASSOCIAZIONE DI CATEGORIA

Boiron Italia entra in Omeoimprese, l’associazione delle aziende che producono e distribuiscono medicinali omeopatici, arrivando così a rappresentare il 90% del comparto. Un traguardo importante, frutto di anni di relazioni e risultato del grande lavoro svolto dall’associazione per un sempre maggior accreditamento della medicina omeopatica, attività che è valsa a Giovanni Gorga la riconferma alla presidenza di Omeoimprese per altri 4 anni.

“La presenza di Boiron Italia all’interno dell’associazione- spiega Giovanni Gorga – sono certo possa dare un ulteriore contributo anche al riconoscimento culturale di questa medicina e di questi farmaci che in Francia, così come in altri Paesi d’Europa, sono parte integrante delle politiche sanitarie. I prossimi 4 anni, oltre che vedere la conclusione di questo processo di regolamentazione, dovranno essere anni importanti e decisivi per dare la giusta collocazione alla medicina omeopatica all’interno del panorama medico-scientifico italiano”.

Sul rientro di Boiron Italia in Omeoimprese si esprime anche Silvia Nencioni, presidente e amministratore delegato della filiale della multinazionale francese: “Assistiamo oggi a ripetuti tentativi di delegittimazione dell’omeopatia; questo clima, che rischia di creare sfiducia tra i pazienti e gli operatori della salute, ci ha portati a riflettere su cosa fosse utile fare. Nello stesso momento, e facciamo fatica a pensare che non ci sia un nesso, siamo in dirittura d’arrivo per quel che riguarda l’ufficializzazione dei medicinali omeopatici in Italia, grazie al lavoro che l’agenzia del farmaco sta facendo e che si concluderà quest’anno con il rilascio delle AIC”.

“Ecco, in questa fase così importante e delicata, abbiamo ritenuto utile, per l’intero settore, essere uniti e di conseguenza rientrare nell’associazione di categoria. Siamo certi che questa scelta rafforzerà ogni azione che intraprenderemo assieme per lo sviluppo dell’omeopatia in Italia, obiettivo comune e indiscusso” – conclude Nencioni.